Seleziona la tua lingua

indietro

EricKeller

Comporre con strumenti virtuali

Nel 2015 ho iniziato a studiare seriamente la composizione musicale. Attualmente sto lavorando ad adattamenti di melodie del periodo rinascimentale, barocco e classico. A lungo termine spero di progredire verso la creazione di composizioni in forma di sonata.

Il mio lavoro riguarda solo le opere prodotte principalmente dal 1500 al 1900, utilizzando la maggior parte delle convenzioni classiche.

Cosa faccio?

Nella prima fase sto imparando le abilità che un compositore apprendeva all'inizio del XVIII secolo.

A tal fine scelgo selezioni musicali familiari. Analizzo la loro struttura e sperimento diverse variazioni per capire l'essenza della melodia. Questo ispira nuove melodie nello stile originale, che posso trasformare in uno stile familiare per una successiva esecuzione di quel brano o di un brano simile.

Ma la grande differenza arriva nelle fasi successive.

Tutto il mio lavoro si svolge su "strumenti virtuali", il che non è sempre facile.

Attualmente, solo alcuni strumenti sono facilmente disponibili per un'emulazione realistica. Si tratta delle comuni tastiere e di alcuni strumenti a fiato, a percussione e a pizzico. Nell'uso rinascimentale e classico, gli strumenti più frequenti sono stati clavicembali, pianoforti, arpe, chitarre/liuti, flauti e alcuni strumenti a fiato. Sono disponibili anche alcuni adattamenti a organi. Nell'uso comune, i violini artificiali, le viole, i violoncelli, i corni, le trombe e le voci umane rimangono meno che soddisfacenti, senza particolari modifiche locali.

La seconda parte è il "mastering". Si tratta di una procedura delicata e relativamente tecnica. Ho impiegato molti anni per capire e applicare correttamente ogni aspetto.

Come primo passo, le partiture scritte prodotte da MuseScore, Finale, Sibelius o Dorico spesso necessitano di un ulteriore lavoro sulla velocità e sul ritmo. Per ogni parte della partitura è necessario specificare le dinamiche (mp, mf, f ecc.) e il tempo (spesso in quarti o mezze note). Anche quando lavoro con partiture scritte, utilizzo trasposizioni più adatte ai miei strumenti o alla composizione originale.

Successivamente, il mio lavoro passa a una workstation audio digitale che trasforma la musica per il consumo pubblico (una DAW [digital audio workstation] utilizzata per il "mastering di una registrazione"). Molti desiderano automatizzare questa fase, ma finora i risultati sono stati deludenti (ad esempio in MuseScore 4).

Una DAW fornisce questi principali miglioramenti: (1) posizionamento geografico degli strumenti all'interno della collocazione acustica spaziale, (2) miglioramenti ai domini di frequenza che promuovono alcune regioni degne di nota e preferite, mantenendo altre regioni sufficientemente udibili, (3) regolazione adeguata della durata del tempo delle note, in combinazione con la dinamica locale, (4) allungamento o riduzione della durata delle note tra le note, in modo da fornire un paesaggio tonale credibile, (5) specifiche di riverbero appropriate tra "dry" e "wet". Il termine "wet audio" si riferisce a un segnale elaborato utilizzato per fornire la profondità e la distanza desiderate allo strumento, mentre il "dry audio" è il segnale originale non trattato, (6) e la protezione dagli overtone, per ridurre le possibilità di toni estremamente alti o estremamente bassi.

Finora non ho trovato nessuno strumento in grado di eseguire tutte queste manipolazioni in modo automatico, per cui eseguo queste regolazioni separatamente per ogni brano di una composizione. Questo in breve descrive il lavoro che svolgo per ogni composizione.

Perché?

NeoClassix.info è un servizio totalmente gratuito che promuovo per i seguenti motivi.

1. Creazioni musicali inedite. Ad esempio, le melodie originali di Turlough O'Carolan erano brevi, spesso meno di una pagina. Da queste ho creato e pubblicato una serie di composizioni complete.

2. Composizioni meritevoli meno conosciute. Esempi sul mio sito web sono stati: le prime composizioni di Antonio Vivaldi, sonate altamente selezionate tra le 555 opere di Domenico Scarlatti e opere raramente ascoltate di John Dowland. Attualmente si sta lavorando per produrre una serie di opere di Fernando Sor.

3. Utilizzo dei migliori strumenti virtuali disponibili per il web. Per NeoClassix.info le partiture musicali scritte vengono lette, analizzate e poi implementate in forma musicale. Questo spesso richiede molto lavoro e sperimentazione prima di poter ottenere un'esecuzione piacevole. NeoClassix.info utilizza le migliori apparecchiature musicali disponibili.

4. Mastering. Poiché NeoClassix.info lavora a partire da partiture scritte, è necessaria una preparazione dettagliata. Questo è molto diverso dalla registrazione musicale tradizionale. Nel nostro caso, gli strumenti devono tradurre una serie di simboli musicali in un testo udibile. Questo comporta una serie di dipendenze seriali che sono diverse per la produzione di una, due o tre voci, rispetto alla realizzazione di un gruppo orchestrale.

I nostri strumenti sono piuttosto limitati. Le registrazioni sonore del liuto nelle trasmissioni, ad esempio, possono utilizzare set di microfoni speciali, mentre non esistono strumenti utilizzabili per simulare un liuto virtuale. Dobbiamo utilizzare strumenti che simulino una chitarra classica e, dopo lunghe ricerche, sono limitato ad un solo tipo di chitarra che può essere utilizzato per le nostre simulazioni.

5. Futuro. Il nostro stile è poi limitato a un certo insieme di strumenti che sono compatibili con la tecnologia di oggi. Questo è ciò che stiamo utilizzando attualmente in NeoClassix.info. Cambierà radicalmente nel prossimo futuro? No, anche se avessimo accesso a molte più risorse, è improbabile che la situazione cambi molto. Data la situazione attuale, i cambiamenti importanti nella tecnologia virtuale sono più probabili tra una decina d'anni.

Godiamoci quello che abbiamo ora.

Eric Keller

Responsabilità 1978-2008: https://erickeller.ch